sábado, 30 de junio de 2018

1973 - DE CONVERSA



"Acho maravilhosa uma faixa como “De conversa”, uma peça que não tem propriamente música nem letra. Só uma superposição de vozes e de grunhidos, com sugestão de música. Apenas no final tem uma citação de Cravo e canela, que era uma homenagem a Milton Nascimento, uma oração para que ele ficasse alegre, porque Milton era muito triste." 

[Caetano Veloso, depoimento à Marcia Cezimbra em 
A obra de Caetano imortalizada em CD, Jornal do Brasil, 16/5/91]





 "É conversando que a gente se entende" 







1973 - CAETANO VELOSO
6283 6188 / 5:40
[Música incidental: “Cravo e Canela” (Milton Nascimento/Ronaldo Bastos)]
Álbum "Araçá Azul"
Philips LP 6349 054, A-2.
Philips CD 824.691-2, Track 2.





2018 - CAETANO VELOSO, DAL BRASILE CON AMORE


Julio 2018
Revista Marie Claire


Caetano Veloso in concerto in Italia a luglio

Abbiamo intervistato il cantautore brasiliano, che ha vinto Nove Latin Grammy e due Grammy Awards in 50 anni di carriera. Ci ha parlato di donne, poesia, rivoluzioni. E ci ha spiegato due cosette sul Brasile.

Di CECILIA FALCONE
28/06/2018


Foto: Fernando Young

«Adesso che Bob Dylan ha vinto il Nobel per la letteratura, sa che il prossimo potrebbe essere lei?». «Non succederà», ci ha risposto Caetano Veloso, prima che lo scandalo dell’Accademia di Svezia facesse saltare il premio. Nove Latin Grammy e due Grammy Awards vinti in 50 anni di carriera, un’indomabilità espressiva che nel 1969 gli è costata l’esilio a Londra, il cantautore di Santo Amaro, nello stato di Bahia, è uno che tutto sente, osserva e canta. Dalla guerra all’amore, con una voce suadente che riattiva i sentimenti. Il 13 luglio arriva a Pavia nella corte del Castello Visconteo, perl’Iride Fraschini Music Festival (i biglietti si trovano direttamente sul sito). È il primo dei quattro concerti italiani, in cui l’artista interpreta i successi in versione acustica con i figli Moreno, Zeca e Tom.



Caetano Veloso, 76 anni il 7 agosto, con 34 album all’attivo più le raccolte e i live, è uno degli artisti brasiliani più influenti. Arriva in italia con i figli per l’Ofertorio tour: il 13 luglio a Pavia, il 15 a Perugia, il 17 a Borgia e il 21 a Roma. - Courtesy photo

Dedica questo tour alle madri dei suoi figli e alla sua. Che ruolo hanno le donne della sua famiglia? Mia madre è presente in ogni momento dello spettacolo, il cui titolo è Ofertório, dalla canzone che ho scritto per la messa del suo 90esimo compleanno. Mio padre era il faro, la mente che ci guidava, ma mia madre, che ha vissuto fino a 105 anni, ha reso tutto possibile con la pazienza, i modi gentili, la naturalezza. Le mamme dei ragazzi hanno un momento dedicato quando canto i pezzi che ho scritto per ognuna di loro. Ogni uomo ha bisogno di una madre, dice anche la canzone di Zeca: tutti noi quattro sul palco guardiamo ammirati queste donne nelle nostre vite.

Usa le parole in modo evocativo: com’è cambiato il suo rapporto con la poesia, oggi di moda? È di moda? Non lo sapevo. Mi ero rassegnato al fatto che non vendesse. Poi in effetti di colpo l’opera completa del poeta Paulo Leminski, che era un mio amico, è diventata un bestseller in Brasile due o tre anni fa. Di me, non ho mai pensato di essere un poeta. Ho visto un combattimento di capoeira a Salvador quando avevo 19 anni, e ne ho scritto: dell’immagine dei corpi che si sfioravano perfettamente senza toccarsi. Mi è piaciuto e ho deciso di riscrivere il pezzo come se fosse un testo di João Guimarães Rosa, poi di Clarice Lispector, poi una poesia di João Cabral de Melo Neto. Io all’epoca volevo dipingere o dirigere film. Cantavo canzoni perché mi divertivano. E così ho finito per essere un cantautore e un cantante. Della poesia ho solo conservato l’idea del suo rappresentare uno stato di elevazione, concentrazione e intensità, da mettere in qualunque cosa facessi.

Parlando di film, ha scritto anche di Giulietta Masina, Michelangelo Antonioni... Quando avevo 15 anni ho visto La strada e mi ha cambiato la vita. Da quel momento ho amato l’immagine di un film solo per il fatto di sentire i personaggi parlare italiano. La lingua e il cinema in bianco e nero mi hanno sempre affascinato. Ancora oggi. Non ho mai preso lezioni di italiano, ma conosco i dialoghi de La dolce vita a memoria. Ho scritto una canzone su Giulietta, ma non l’ho mai incontrata. Il mio amico Gil sì, a un festival. Di Antonioni amo L’avventura e Professione: reporter e gran parte di L’eclisse, ma ho voluto descrivere le sue atmosfere dopo averlo conosciuto. Era un uomo eccezionale, carismatico. E alla fine la canzone con il suo nome è una delle mie preferite.

Con il suo amico Gilberto Gil nel ’68 ha realizzato l’album Tropicália ou Panis et Circencis e dato vita a un movimento artistico d’avanguardia. Cos’è stato il Tropicalismo? Un gesto contro la stagnazione e la mancanza di vitalità dei rispettabili musicisti del Brasile di metà anni 60. La bossa nova è stata una rivoluzione, i nostri colleghi si prendevano troppo sul serio. Non volevano saperne della musica pop, del volgare sentimentalismo brasiliano e latinoamericano, della forza delle cosiddette canzonette. Noi volevamo essere all’altezza del senso profondo della bossa nova, oltre allo stile.

In una hit del 2012 cantava ancora A Bossa Nova É Foda, la bossa nova spacca. Cos’altro c’è di bello oggi nella scena brasiliana? Il carnevale della musica di Bahia, il funk che arriva dalle favela di Rio e ora è adottato dagli artisti di San Paolo, e giovani creatori fantasiosi come Thiago Amud.

Il Brasile sembra una promessa mancata, è così? Lo è sempre stato. Io penso che sia una sfida. Non può superare la sua marginalità senza cambiare il mondo: è fisicamente troppo grande. Se si liberasse, sarebbe un guaio per le altre forze.

L’intervento federale per la sicurezza a Rio? È un tentativo assurdo del presidente Temer di ottenere prestigio, rispetto ed elettori. Non ha funzionato.

Cosa stanno smuovendo negli elettori l’omicidio di Marielle Franco (consigliera e attivista di Rio) e l’arresto dell’ex presidente Lula? L’assassinio di Marielle è stato un forte colpo emotivo, che ha fatto scendere in piazza gente di ogni estrazione. L’arresto di Lula è considerato ingiusto dalla sinistra ma celebrato dalla destra. Quindi, la commozione per Marielle ha unito, l’arresto di Lula continua a dividere. Nonostante tutto, è lui il favorito dei sondaggi. Se la sinistra è abbastanza furba da leggere queste realtà, sarà capace di riunirsi intorno a un nome che potrebbe salvare il Brasile da un altro periodo di conservatorismo.

Quale rivoluzione sogna? Una rivoluzione totale. A partire dal significato del termine. Quelle che sono state chiamate rivoluzioni hanno creato autocrazie, tirannie e dinastie orribili. Non mi piace il terrore, neanche come parola nelle pagine del filosofo Žižek. Sogno un riformismo rivoluzionario che ripensi l’organizzazione della vita umana in modo sovversivo - e vorrei che il Brasile lo facesse. Perché sono brasiliano e perché il Brasile è un’opportunità per reinventare la Storia.







2006 - FASHION RIO


A 9ª Edição do Fashion Rio – Primavera-Verão 2006/2007, vai tomar conta da cidade com desfiles a céu aberto.

Troca a tradicional sede do Museu de Arte Moderna (MAM), pela Marina da Glória, também na Praia do Flamengo e acontece entre 6 e 11 de junho.

Regina Casé e Caetano Veloso assistem aos desfiles, na Marina da Glória, no Rio. 


9/6/2006 - Foto: João Cordeiro Jr/Folhapress


9/6/2006 - Foto: João Cordeiro Jr/Folhapress

9/6/2006 - Foto: João Cordeiro Jr/Folhapress

9/6/2006 - Foto: João Cordeiro Jr/Folhapress

9/6/2006 - Foto: João Cordeiro Jr/Folhapress



1995 - LUIZ ZERBINI














lunes, 25 de junio de 2018

1990 - FLORESTA AMAZÔNICA




Foi em L’Aquila, na Itália, que a música brasileira embarcou com tudo. 

Durante a última semana de agosto, sob os auspícios da Santa Madre Igreja, artistas como Chico Buarque, Caetano Veloso, Gilberto Gil, o grupo Amazonas e o Ballet Stagium participaram com sua sonoridade de uma celebração ítalo-brasileira, batizada de Floresta Amazônica, o Último Grito, um festival de manifestação artística e debates ecológicos, envolvendo a nossa sofrida Mata Virgem.



LA REPUBBLICA

22 agosto 1990
E L' AQUILA SALVA L' AMAZZONIA

L' AQUILA - I maggiori esponenti della musica brasiliana si sono dati appuntamento a L' Aquila da domani al 29 agosto per una serie di concerti e di manifestazioni nell' ambito della Festa religiosa della Perdonanza.

Si esibiranno Chico Buarque de Hollanda al fianco di Caetano Veloso (il 24/8) e di Gilberto Gil (il 28/8).

Da sabato a lunedi si svolgeranno sotto il titolo di Magia verde ovvero tre serate di musica danza e poesia in aiuto dell' Amazzonia; Florinda Bolkan e Gianni Minà presenteranno il gruppo Amazonas del nord-est brasiliano, Irio De Paula e l' Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Fabio Frizzi in un programma di musiche per il cinema. Per la danza per la prima volta arriva il Italia il Ballet Stagium di San Paolo.

Poeti brasiliani e italiani presenteranno loro composizioni dedicate all' Amazzonia. La giornata inaugurale prevede la prima esecuzione italiana della Missa San Sebastian di Hector Villa Lobos e La foresta incantata (il 23/8) un ciclo di fiabe trascritte da Italo Calvino, musicate da Marco Di Bari ed interpretate da Flavio Bucci con i Solisti Aquilani.

Venerdì sera politici italiani e brasiliani discuteranno dell' Amazzonia con alcuni capi delle tribù indie, la vedova di Chico Mendez, Gilberto Gil, in veste di consigliere del comune di Salvador nello stato di Bahia. Tutti gli spettacoli sono gratuiti.






domingo, 24 de junio de 2018

1973 - JÚLIA / MORENO


“O texto não comporta muita interpretação subjetiva. Se bem que os mais afoitos possam ver na opção dos nomes Júlia/Moreno a indecisão do poeta sobre qual dos nomes daria a seu filho. Mas o texto não faz questão de explicar-se a si mesmo. Vai se montando meio nebulosamente como uma parede de palavras. Uma especie de construção, se bem que não tão bem construida e sem o sentido maior que Chico Buarque deu a sua “Construção”.
Em Caetano o texto tem uma função muito ambigua, porque a música que acompanha aquele “Júlia/Moreno” é bastante conservadora e quadrada, opondo-se de certa forma ao vanguardismo explícito (ou ironizado?) no texto.”

[Affonso Romano de Sant’Ana, Música Popular e Moderna Poesia Brasileira,

3ª Edição, 1978, pág. 259-260.]



Música e letra: Caetano Veloso
© Gapa/Saturno


uma talvez júlia
uma talvez júlia
uma talvez júlia não tem
uma talvez júlia não tem nada
uma talvez júlia não tem nada a ver
uma talvez júlia não tem nada a ver com isso
uma júlia

um quiçá moreno
um quiçá moreno nem
um quiçá moreno nem vai
um quiçá moreno nem vai querer
um quiçá moreno nem vai querer saber
um quiçá moreno nem vai querer saber qual era
um moreno







1973 - CAETANO VELOSO
6283 6242 / 3:17
Álbum "Araçá Azul"
Philips LP 6349 054, B-2.
Philips CD 824.691-2, Track 8.





1972
Revista Geração POP
Dezembro – n° 2







1972 - ARAÇÁ AZUL


Folha de S.Paulo - 15/10/1972







Caetano Veloso canta uma nova música em inglês no seu novo disco




 




Caetano Veloso cantará hoje "Gilberto Misterioso", uma composição
dedicada a Gilberto Gil 






Caetano cantou músicas de Lupicínio Rodrigues acompanhado pelo seu propio violão 

 
 


Foto: Ivan Cardoso












 

 





                                  1/11/1972 - Informe SECRETO - Show sexta-feira 27/10/1972.






1972
Revista Melodias
Ano XX – n° 189
Novembro
Editora Prelúdio